Il giorno 10/06/2021 il sito sarà in manutenzione dalle 9 alle 13. Ci scusiamo per il disagio. Torneremo attivi quanto prima.

Prestiamoci al Fintech District

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

L’inaugurazione del Fintech Disctrict di Milano è stata un’occasione importante per Prestiamoci. Raccontiamo l’evento ai nostri Prestatori

Fintech Distict Milano
Fintech Distict Milano

Si è svolta il 26 settembre scorso a Milano l’inaugurazione del Fintech District. Questo nuovo distretto finanziario è la prima area urbana italiana adibita all’operatività delle aziende più avanzate del settore finanziario, tra cui PRESTIAMOCI. Al suo interno riunisce fintech startup, istituzioni finanziarie, investitori e università, con l’obiettivo di favorire lo sviluppo dell’industria finanziaria del futuro e la crescita delle aziende del settore.

E’ stato un rilevante evento per Prestiamoci e riteniamo importante presentarlo e descriverlo ai nostri Prestatori.

Il Fintech District

Il Fintech District ha sede nel nuovo Palazzo S32 (via Filippo Sassetti 32, di fronte al palazzo Lombardia). È un hub in cui i principali operatori fintech italiani hanno la possibilità di lavorare insieme per favorire la nascita di collaborazioni industriali e commerciali, attrarre nuovi investimenti e dare impulso allo sviluppo dell’industria finanziaria, con particolare riferimento al mondo Fintech. Il nuovo distretto finanziario milanese nasce sulla traccia di altre esperienze a livello internazionale come Level39 a Londra o Station F a Parigi, quest’ultimo caratterizzato da una particolare inclinazione verso l’incubazione di fintech startup.

Il distretto è promosso da Sellalab, il polo d’innovazione del Gruppo Banca Sella, e da Copernico, la piattaforma di lavoro che promuove lo smart working, con il supporto del Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) e del Comune di Milano.

Ad oggi hanno già aderito al Fintech District oltre trenta tra start-up e corporate, tra cui PRESTIAMOCI, che operano in diversi settori tra cui il crowdfunding, il p2p lending, l’anticipo delle fatture online, blockchain e cryptocurrencies, robo-advisor.

L’apertura del Fintech District evidenzia l’importanza e l’attenzione che il settore Fintech sta conquistando anche in Italia. Uno dei principali obiettivi del Fintech District, infatti, è proprio quello di far diventare l’Italia, Milano e S32, poli di eccellenza e innovazione.

 

Le Istituzioni e il Fintech

All’inaugurazione del Fintech District hanno partecipato il Ministro Pier Carlo Padoan, il Sindaco di Milano Giuseppe Sala, il Vice Direttore Generale della Banca d’Italia Fabio Panetta, il Vice Direttore Generale della Consob Giuseppe D’Agostino e l’On. Sebastiano Barbanti.

Tra gli operatori erano presenti, oltre ai rappresentanti del Gruppo Banca Sella, anche i nuovi player del mercato quali PRESTIAMOCI, Credimi, Moneyfarm, Satispay, Alipay e altre interessanti realtà di settore.

Il Ministro Pier Carlo PADOAN ha commentato che:

«Un adeguato sviluppo del FinTech è elemento di crescita e anche di modernizzazione del settore finanziario del Paese a vantaggio di imprese e cittadini. Il settore presenta ampi margini di sviluppo e opportunità da cogliere per la creazione di valore e di nuova occupazione. Il Fintech District, un ambiente dinamico, efficiente e ricco di risorse qualificate, ben risponde alle esigenze delle start up e delle piccole e medie imprese innovative del comparto.»

 

Il Ministro Pier Carlo Padoan al Fintech District
Il Ministro Pier Carlo Padoan al Fintech District

 

Per Giuseppe SALA, Sindaco di Milano: «l’apertura del Fintech District è il segno tangibile della capacità di Milano di costruire il proprio futuro abbracciando i cambiamenti in atto nell’economia globale e di rispondere alle esigenze degli operatori più sofisticati.».

 

Fabio PANETTA, Vice Direttore Generale di Banca d’Italia, qui il suo intervento – ha sottolineato come il Fintech District:  “rappresenta un’iniziativa importante per lo sviluppo del nostro settore finanziario e per il rafforzamento di Milano quale centro di innovazione italiano ed europeo. [….]. La Banca d’Italia, nell’ambito delle sue funzioni istituzionali, contribuisce a creare un ambiente favorevole allo sviluppo di modalità innovative di produzione e distribuzione di servizi finanziari e di finanziamento dell’economia reale”. Inoltre ha annunciato che nei prossimi giorni:

“Banca d’Italia darà avvio al Canale Fintech, uno spazio dedicato a queste tematiche i cui riferimenti saranno pubblicati sul nostro sito istituzionale. Il Canale rafforzerà il confronto con gli operatori di mercato, rendendo disponibile un percorso facilmente accessibile e un contesto proattivo, in grado di favorire il processo di innovazione nel nostro Paese. Esso rappresenterà il punto di contatto dell’Istituto per indirizzare le imprese che intendono offrire servizi o prodotti innovativi nel mercato nazionale.”

Il Vice Direttore Generale di ConsobGiuseppe D’AGOSTINO, ha evidenziato che l’Authority sta lavorando con 12 università per verificare se la struttura normativa in tema di fintech sia in Italia in linea con quella prevalente a livello europeo o se ci siano dei correttivi da introdurre. L’analisi sarà pronta a fine anno e sarà presentata a inizio 2018.

Peraltro proprio questo è lo spirito che ha mosso la Commissione Finanze della Camera a intraprendere un’indagine conoscitiva sul Fintech in Italia, partita nella seconda metà del mese di settembre 2017 e tuttora in corso, su iniziativa dell’Onorevole Sebastiano BARBANTI, a sua volta presente al Fintech District.

L’indagine si propone, infatti, di acquisire conoscenze del settore, del suo impatto sull’ecosistema finanziario-bancario nonché degli interventi normativi da realizzare per tutelare i risparmiatori, ridurre i rischi sistemici, creare un contesto favorevole per l’ingresso di nuovi capitali dall’estero e favorire lo sviluppo del settore, anche e soprattutto nel campo dei prestiti fra privati. (alcuni segnali nei mesi successivi ci sono in effetti stati, per esempio con l’introduzione della ritenuta fissa per il P2P Lending).

I player italiani del Fintech

Terminata la parte istituzionale, la giornata è proseguita con Tavole Rotonde e presentazioni dei principali player: un modo per dare concretezza e visibilità a chi è già partito con servizi a contenuto finanziario-tecnologico.

Alla Tavola Rotonda “Open floor per il Fintech italiano” ha partecipato Daniele LORO. L’Amministratore Delegato di PRESTIAMOCI, ha sottolineato come la vera innovazione del Fintech non sta unicamente nelle tecnologie che si utilizzano e che si sono sviluppate, ma anche nel modo con cui queste tecnologie aiutano a sviluppare un modello che riesca ad eliminare le inefficienze del passato ed a rendere fruibile un servizio necessario per i risparmiatori.

 

Open Floor: Daniele Loro, Prestiamoci
Open Floor: Daniele Loro, Prestiamoci

 

Open Floor: Daniele Loro, Prestiamoci
Open Floor: Daniele Loro, Prestiamoci

 

Tutti i diversi rappresentanti delle imprese hanno rimarcato in Italia:

  • l’assenza di una normativa a sostegno delle Fintech, soprattutto l’esistenza di troppi vincoli burocratici che al momento rallentano e rendono più complesso il percorso di crescita delle aziende del settore;
  • l’urgenza di una maggiore semplificazione regolamentare, anche in confronto ad altre esperienze europee (principalmente quella anglosassone);
  • l’immediata necessità per il P2P Lending di una riforma legislativa e fiscale che liberi definitivamente questa nuova Asset Class, eliminando gli svantaggi oggi esistenti senza rinunciare alla trasparenza del mercato per i consumatori, come è già avvenuto negli altri paesi in Europa.

 

Fintech District - Prestiamoci
Fintech District – Prestiamoci

 

Il Fintech nel Mondo e in Italia

Secondo Goldman Sachs il settore del fintech conta oltre 1.300 imprese distribuite in 54 paesi.  Dal 2010 al 2016 ha visto investiti oltre 130 miliardi di dollari, con un numero totale di oltre 5.000 deal che hanno generato nel 2016 un valore superiore agli 850 miliardi di dollari.

Goldman Sachs prevede inoltre che nei prossimi anni quasi 660 miliardi di dollari in investimenti potrebbero migrare dai tradizionali servizi alle nuove proposte di servizi finanziari operati attraverso piattaforme digitali innovative.

Un settore da non trascurare, dunque, tenendo anche conto del fatto che dal 2014 vanta tassi di crescita a doppia cifra.

Il Regno Unito, ed in particolare Londra, detiene il primato di nazione con il governo più attento alla crescita dell’ecosistema favorevole alle startup. Grazie a una alta propensione agli investimenti e soprattutto alla elevata attenzione alla formazione, il settore Fintech genera nel paese revenue per circa 20 miliardi di dollari l’anno e occupa oltre 61.000 addetti.

Anche in Italia è possibile comunque rilevare un trend crescente di investimenti, seppur in misura decisamente inferiore. Nel corso del 2015  ci sono stati investimenti pari 33 milioni di euro. Una cifra ovviamente meno impressionante di quella mondiale e marginale anche rispetto al resto d’Europa. Consideriamo però che gli investimenti totali nel nostro Paese sono quadruplicati rispetto al 2014. Nonostante l’Italia risulti dunque indietro nello sviluppo della finanza alternativa, il potenziale di crescita è enorme.

Secondo le stime emerse durante la presentazione del nuovo Fintech District, le aziende del Fintech nel nostro paese sono circa 150, con un valore generato vicino ai 50 milioni di Euro e una prospettiva occupazionale calcolata intorno alle 1.500 unità.

Insomma, l’industria finanziaria trova sempre maggiore attenzione, in particolare nel settore Fintech, caratterizzato da un maggiore fermento e una maggiore crescita. Un ecosistema favorevole a tutte le forme di investimento innovative, e sicuramente una buona notizia per i prestatori di denaro privati italiani. Nei prossimi anni infatti è facile immaginare che un maggiore interesse verso il settore porti a una semplificazione delle norme esistenti e alla creazione di un sistema più favorevole. Abbiamo visto come un primo segnale sia l’introduzione della ritenuta fissa sul P2P lending. Auguriamoci che ne seguano molti altri.

In conclusione, il Fintech District apre le porte al futuro

L’inaugurazione del Fintech District e la presenza di Istituzioni e Regolatori è stato un primo importante passo per cogliere i cambiamenti in atto nel mondo. L’apertura di un distretto finanziario è un’occasione irripetibile per cavalcare l’onda di un’innovazione che potrebbe portare, nei prossimi anni, a una vera e propria rivoluzione dei servizi finanziari, destinata a cambiare per sempre le abitudini delle persone ed il loro rapporto con il denaro, in cui PRESTIAMOCI vuole essere protagonista.

 

 [button link=”https://home.prestiamoci.it/public/prestatore/iscrizione” type=”big” newwindow=”yes”] DIVENTA PRESTATORE[/button]

Domande frequenti - FAQ

Prestiamoci si pone l’obiettivo di promuovere il più possibile lo scambio di denaro tra privati, senza l’intermediazione di banche o altri istituti di credito. Questa caratteristica consente a Prestiamoci di distribuire ai Prestatori ed ai Richiedenti il guadagno che spetterebbe alla Banca. In questo modo i Prestatori possono ottenere un guadagno maggiore con tassi di interesse più elevati, mentre i Richiedenti possono accedere ad un finanziamento con costi inferiori. I costi di gestione vengono ridotti al minimo grazie all’operatività online e alla disintermediazione della banca, che viene quindi ricondotta al ruolo originario di cassaforte.

PRESTIAMOCI SpA – con sede legale in Foro Buonaparte 12, 20121 Milano (MI) – è la società finanziaria regolamentata dall’articolo 106 del Testo Unico Bancario, titolare del sito internet www.prestiamoci.it. Prestiamoci si pone l’obiettivo di promuovere il prestito tra persone all’interno di una community in cui si incontrano soggetti che presentano progetti da finanziare (Richiedenti) e soggetti che intendono investire parte delle proprie disponibilità in progetti che condividono (Prestatori).

Prestiamoci è una società di diritto italiano regolamentata dalla normativa del Testo Unico Bancario (TUB), dalle disposizioni regolamentari della Banca d’Italia e dalle normative italiane e comunitarie in materia di antiriciclaggio.

Prestiamoci, per i servizi offerti, richiede una commissione d’iscrizione una tantum, diversa per Prestatore e per Richiedente. La commissione pagata dal Richiedente varia dallo 0,54% al 7,56% dell’importo finanziato. Al Prestatore invece, viene applicata una commissione annuale pari all’1% del capitale investito. Infine, Prestiamoci partecipa ai progetti con una quota percependone gli interessi.

Prestiamoci opera una selezione dei Richiedenti portando sul Marketplace solamente coloro che sono meritevoli di credito, assegnando nel modo più trasparente possibile, e sulla base delle informazioni a disposizione, il più corretto livello di rischio. In questo modo Prestatori possano operare investimenti informati e consapevoli. Nel caso di Richiedenti finanziati, Prestiamoci gestisce l’incasso delle rate e governa tutti i conti di regolamento fra Richiedenti finanziati e Prestatori. Si occupa inoltre della gestione delle attività di recupero crediti nel caso in cui un Richiedente finanziato si trovi in difficoltà. Prestiamoci mette a disposizione per tutti i Prestatori informazioni dettagliate sulla loro posizione di investimento, sul rendimento al lordo e al netto delle perdite su crediti. Prestiamoci infine partecipa al finanziamento di ogni progetto ammesso al Marketplace con una sua quota.

Banca Sella è la banca d’appoggio di Prestiamoci che quindi offre servizi per l’operatività bancaria, quali l’apertura del conto deposito ed i servizi di pagamento tramite addebito diretto SEPA.

Prestiamoci adotta tutte le normative previste in materia di privacy dal GDPR, General Data Protection Regulation – Regolamento UE 2016/679. Durante il processo di compilazione del form per diventare Prestatori o Richiedenti e utilizzare i servizi di Prestiamoci, vengono esplicitate quali sono le informazioni necessarie per il consenso al trattamento dei dati. Prestiamoci è inoltre tenuta a fornire una precisa nota informativa sul trattamento dei dati personali degli Interessati.

Per Prestiamoci la sicurezza è soprattutto sicurezza informatica. L’intera architettura hardware e software, presidiata da sistemi anti intrusione e oggetto di periodiche procedure per il backup e la manutenzione, si avvale di strumenti di monitoraggio continuo e di pronto intervento atti a garantire un’elevata continuità di servizio. Il sito è conforme agli standard più avanzati di sicurezza del codice e di crittografia: ogni connessione è instaurata tramite protocollo “https”. Tutte le informazioni che transitano in rete tra il computer dell’utente ed i server di Prestiamoci, in particolare l’email e la password, sono codificate tramite meccanismi atti a garantirne integrità e riservatezza.

Il Marketplace è il luogo virtuale in cui avviene l’incontro tra domanda e offerta di denaro, tra Prestatori che intendono prestare il proprio denaro e Richiedenti che, a seguito del processo di selezione concluso positivamente, hanno inserito una richiesta di prestito sulla piattaforma.
Il funzionamento del Marketplace è basato su due logiche di lavoro.

La prima è l’applicazione di un algoritmo che ha l’obiettivo di ottimizzare l’abbinamento tra domanda e offerta sulla base delle preferenze dettate dal Prestatore in fase di adesione – modalità c.d. Presta Automatico. La seconda consente al Prestatore, in qualsiasi momento, di intervenire sulle Richieste di Prestito presenti, in completa autonomia – modalità c.d. Presta Manuale.

Le due logiche sono complementari tra di loro e lavorano simultaneamente con l’obiettivo di minimizzare il tempo di non utilizzo degli importi messi a disposizione del Marketplace da parte dei Prestatori, massimizzando il più alto numero possibile di abbinamenti con altrettante Richieste di Prestito esistenti sul Marketplace stesso.

Una volta compilata la scheda anagrafica e aver confermato il riepilogo, per qualsiasi modifica scrivi a info@prestiamoci.it  inserendo quali dati vuoi correggere.

Clicca sul link AREA CLIENTI in alto sulla homepage e poi sulla voce “Hai dimenticato la password?”. Inserisci la tua mail: riceverai le istruzioni per il ripristino tramite cui accedere ad una pagina a te riservata, valida per 24 ore e utilizzabile una sola volta, dove potrai impostare in tutta sicurezza una nuova password.

La documentazione contrattuale è sempre disponibile alla voce “Contratto”, l’ultima voce del menù nella tua Area Personale. In quella pagina, è possibile scaricarla e visionarla.

Se sei un Richiedente, nella tua area personale potrai verificare la percentuale di copertura del tuo progetto o il piano di rimborso se sei stato già finanziato. Se invece sei un Prestatore, potrai trovare un riepilogo sempre aggiornato del tuo investimento, all’interno dell’area personale.

No, una volta diventato operativo non puoi cambiare profilo fino a quando il rapporto con Prestiamoci non sarà terminato. Se invece non sei ancora operativo e vuoi modificare il tuo profilo, scrivi a operation@prestiamoci.it per ricevere le indicazioni su come procedere.

Invia una e-mail con oggetto “Annullamento Iscrizione” all’indirizzo operation@prestiamoci.it.

Ricorda però che se sei un Richiedente con in corso un prestito o un Prestatore con in corso un investimento non potrai abbandonare la community di Prestiamoci fino alla scadenza dei pagamenti o dei rimborsi.