Il giorno 10/06/2021 il sito sarà in manutenzione dalle 9 alle 13. Ci scusiamo per il disagio. Torneremo attivi quanto prima.

La Crisi del ’29: un po’ di storia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Nella difficile situazione che stiamo vivendo a causa dell’emergenza Coronavirus, si sente ripetere spesso l’espressione “crisi economica”.

In quest’ottica poco auspicabile, vogliamo ricordare quella che fu una delle più grandi crisi economiche mondiali: la Crisi del ’29, quando l’economia globale venne colpita, riducendo produzione, occupazione, redditi, salari, consumi e risparmi.

La Crisi del ’29 ebbe inizio con il cosiddetto Crollo di Wall Street, avvenuto il 29 Ottobre 1929 presso lo Stock Exchange, sede del mercato finanziario più importante per volume di scambi. Qui, il prezzo delle azioni di numerosissime imprese (come la famosa General Electric) precipitò e, quel giorno, 16 milioni di azioni vennero frettolosamente scambiate e il valore delle stesse calò per un importo totale di almeno 10 miliardi di dollari.

La crisi colpì soprattutto la media borghesia che, nel corso degli anni Venti, aveva investito i propri risparmi e sostenuto la domanda di beni di consumo durevole, un settore che, proprio per questo motivo, a quel punto era fortemente in crisi.  

La situazione

Dopo la Grande Guerra, gli Stati Uniti d’America avevano vissuto anni di prosperità socio-economica, anche grazie al fatto che il settore automobilistico aveva rilanciato l’economia generale.

Un periodo di grande produttività, salari inalterati, prodotti a prezzo fisso avevano favorito per anni gli investimenti. Nonostante questo periodo così florido, agli investimenti e alla crescente produttività non corrispondeva però una crescita del potere d’acquisto.

La stretta interconnessione tra settore industriale e bancario fece sì che, nel momento del crollo della borsa, molti piccoli risparmiatori decisero di ritirare immediatamente dalle banche il proprio denaro. Una scelta che diede origine ad una crisi di liquidità. L’insolvenza delle banche trascinò nella crisi molte delle aziende in cui le banche stesse avevano investito.

Ciò che ne conseguì fu una successione di licenziamenti, chiusure e ridimensionamenti. L’economia americana era bloccata, anche perché, a causa del calo dei consumi si palesò una crisi di sovrapproduzione, con un conseguente calo della produzione che scese quasi al 50% tra il 1929 e il 1932.

Quali furono le cause?

Negli anni appena successivi alla Prima Guerra Mondiale, la ripresa economica era stata resa possibile grazie ai soli risparmi accumulati negli anni passati dalla media borghesia e dai bassi tassi di interesse.

Un secondo problema fu rappresentato dal sistema finanziario. Non vennero mai introdotti limiti alle attività speculative delle banche e della borsa valori. Questo perché gli acquirenti volevano detenere diversi titoli, non tanto per ottenere dividendi (e quindi profitti), ma per aumentare il proprio capitale.

Cosa significa?

Si comprava per rivendere, senza preoccuparsi della qualità dei titoli. A tutto ciò va aggiunto il fatto che i rappresentanti delle holding che detenevano portafogli di azioni e obbligazioni, per spingere i risparmiatori ad acquistare titoli, rilasciavano dichiarazione false con previsioni troppo ottimistiche.

Basti pensare che dal 1920 al 1929 gli investimenti azionari triplicarono il loro volume e gli indici di borsa salirono, dal 1926 al 1929, da 100 a 216.  Eppure, all’aumento del valore delle azioni industriali non corrispondeva un effettivo aumento della produzione e della vendita dei beni.

Quali misure vennero adottate?

Le soluzioni proposte si limitarono, inizialmente, a stimolare la spesa in opere pubbliche e fare pressioni su aziende e industriali per non ridurre i salari. In questi anni vennero create delle corporazioni per sostenere e stabilizzare i prezzi in caduta.

La ripresa vera e propria iniziò solo nel 1933, quando venne eletto Presidente degli Stati Uniti Franklin D. Roosvelt. Il programma di forti riforme economiche e sociali messe in atto, il New Deal, prevedeva alcuni punti: 

  • Per ridurre i debiti e facilitare le esportazioni venne abbandonata la parità aurea e si svalutò il valore del dollaro.
  • Per riassorbire la disoccupazione vennero promossi lavori pubblici.
  • Si scelse di tassare maggiormente i ceti abbienti e redigere un sistema di assicurazioni sociali per le classi lavoratrici.
  • Aumento del salario minimo.
  • Diminuzione delle ore lavorative nelle fabbriche.
  • I datori di lavoro e gli imprenditori furono obbligati a riconoscere i sindacati operai.
  • Controllo del sistema bancario, della Borsa e del mercato azionario.

La svalutazione del dollaro, autorizzata dal Congresso, stimolò la spesa pubblica e il programma di riforme economiche e sociali contribuì a risanare la situazione economica americana. 
Allo stesso tempo, stimolando la spesa pubblica, Roosvelt riuscì a occupare forza lavoro disoccupata, spingendo la domanda di beni di consumo, quindi si riavviò il processo produttivo. 

Domande frequenti - FAQ

Prestiamoci si pone l’obiettivo di promuovere il più possibile lo scambio di denaro tra privati, senza l’intermediazione di banche o altri istituti di credito. Questa caratteristica consente a Prestiamoci di distribuire ai Prestatori ed ai Richiedenti il guadagno che spetterebbe alla Banca. In questo modo i Prestatori possono ottenere un guadagno maggiore con tassi di interesse più elevati, mentre i Richiedenti possono accedere ad un finanziamento con costi inferiori. I costi di gestione vengono ridotti al minimo grazie all’operatività online e alla disintermediazione della banca, che viene quindi ricondotta al ruolo originario di cassaforte.

PRESTIAMOCI SpA – con sede legale in Foro Buonaparte 12, 20121 Milano (MI) – è la società finanziaria regolamentata dall’articolo 106 del Testo Unico Bancario, titolare del sito internet www.prestiamoci.it. Prestiamoci si pone l’obiettivo di promuovere il prestito tra persone all’interno di una community in cui si incontrano soggetti che presentano progetti da finanziare (Richiedenti) e soggetti che intendono investire parte delle proprie disponibilità in progetti che condividono (Prestatori).

Prestiamoci è una società di diritto italiano regolamentata dalla normativa del Testo Unico Bancario (TUB), dalle disposizioni regolamentari della Banca d’Italia e dalle normative italiane e comunitarie in materia di antiriciclaggio.

Prestiamoci, per i servizi offerti, richiede una commissione d’iscrizione una tantum, diversa per Prestatore e per Richiedente. La commissione pagata dal Richiedente varia dallo 0,54% al 7,56% dell’importo finanziato. Al Prestatore invece, viene applicata una commissione annuale pari all’1% del capitale investito. Infine, Prestiamoci partecipa ai progetti con una quota percependone gli interessi.

Prestiamoci opera una selezione dei Richiedenti portando sul Marketplace solamente coloro che sono meritevoli di credito, assegnando nel modo più trasparente possibile, e sulla base delle informazioni a disposizione, il più corretto livello di rischio. In questo modo Prestatori possano operare investimenti informati e consapevoli. Nel caso di Richiedenti finanziati, Prestiamoci gestisce l’incasso delle rate e governa tutti i conti di regolamento fra Richiedenti finanziati e Prestatori. Si occupa inoltre della gestione delle attività di recupero crediti nel caso in cui un Richiedente finanziato si trovi in difficoltà. Prestiamoci mette a disposizione per tutti i Prestatori informazioni dettagliate sulla loro posizione di investimento, sul rendimento al lordo e al netto delle perdite su crediti. Prestiamoci infine partecipa al finanziamento di ogni progetto ammesso al Marketplace con una sua quota.

Banca Sella è la banca d’appoggio di Prestiamoci che quindi offre servizi per l’operatività bancaria, quali l’apertura del conto deposito ed i servizi di pagamento tramite addebito diretto SEPA.

Prestiamoci adotta tutte le normative previste in materia di privacy dal GDPR, General Data Protection Regulation – Regolamento UE 2016/679. Durante il processo di compilazione del form per diventare Prestatori o Richiedenti e utilizzare i servizi di Prestiamoci, vengono esplicitate quali sono le informazioni necessarie per il consenso al trattamento dei dati. Prestiamoci è inoltre tenuta a fornire una precisa nota informativa sul trattamento dei dati personali degli Interessati.

Per Prestiamoci la sicurezza è soprattutto sicurezza informatica. L’intera architettura hardware e software, presidiata da sistemi anti intrusione e oggetto di periodiche procedure per il backup e la manutenzione, si avvale di strumenti di monitoraggio continuo e di pronto intervento atti a garantire un’elevata continuità di servizio. Il sito è conforme agli standard più avanzati di sicurezza del codice e di crittografia: ogni connessione è instaurata tramite protocollo “https”. Tutte le informazioni che transitano in rete tra il computer dell’utente ed i server di Prestiamoci, in particolare l’email e la password, sono codificate tramite meccanismi atti a garantirne integrità e riservatezza.

Il Marketplace è il luogo virtuale in cui avviene l’incontro tra domanda e offerta di denaro, tra Prestatori che intendono prestare il proprio denaro e Richiedenti che, a seguito del processo di selezione concluso positivamente, hanno inserito una richiesta di prestito sulla piattaforma.
Il funzionamento del Marketplace è basato su due logiche di lavoro.

La prima è l’applicazione di un algoritmo che ha l’obiettivo di ottimizzare l’abbinamento tra domanda e offerta sulla base delle preferenze dettate dal Prestatore in fase di adesione – modalità c.d. Presta Automatico. La seconda consente al Prestatore, in qualsiasi momento, di intervenire sulle Richieste di Prestito presenti, in completa autonomia – modalità c.d. Presta Manuale.

Le due logiche sono complementari tra di loro e lavorano simultaneamente con l’obiettivo di minimizzare il tempo di non utilizzo degli importi messi a disposizione del Marketplace da parte dei Prestatori, massimizzando il più alto numero possibile di abbinamenti con altrettante Richieste di Prestito esistenti sul Marketplace stesso.

Una volta compilata la scheda anagrafica e aver confermato il riepilogo, per qualsiasi modifica scrivi a info@prestiamoci.it  inserendo quali dati vuoi correggere.

Clicca sul link AREA CLIENTI in alto sulla homepage e poi sulla voce “Hai dimenticato la password?”. Inserisci la tua mail: riceverai le istruzioni per il ripristino tramite cui accedere ad una pagina a te riservata, valida per 24 ore e utilizzabile una sola volta, dove potrai impostare in tutta sicurezza una nuova password.

La documentazione contrattuale è sempre disponibile alla voce “Contratto”, l’ultima voce del menù nella tua Area Personale. In quella pagina, è possibile scaricarla e visionarla.

Se sei un Richiedente, nella tua area personale potrai verificare la percentuale di copertura del tuo progetto o il piano di rimborso se sei stato già finanziato. Se invece sei un Prestatore, potrai trovare un riepilogo sempre aggiornato del tuo investimento, all’interno dell’area personale.

No, una volta diventato operativo non puoi cambiare profilo fino a quando il rapporto con Prestiamoci non sarà terminato. Se invece non sei ancora operativo e vuoi modificare il tuo profilo, scrivi a operation@prestiamoci.it per ricevere le indicazioni su come procedere.

Invia una e-mail con oggetto “Annullamento Iscrizione” all’indirizzo operation@prestiamoci.it.

Ricorda però che se sei un Richiedente con in corso un prestito o un Prestatore con in corso un investimento non potrai abbandonare la community di Prestiamoci fino alla scadenza dei pagamenti o dei rimborsi.