Il giorno 10/06/2021 il sito sarà in manutenzione dalle 9 alle 13. Ci scusiamo per il disagio. Torneremo attivi quanto prima.

Il Sole 24 Ore – Fare rete è creativo e conviene

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Fare rete è creativo e conviene articolo pubblicato su Nova 24 – Il Sole 24 ore da Alessandro Longo L'insieme magmatico del crowdsourcing comincia a solidificarsi, anche in Italia. Ad assumere una struttura definita e, al tempo stesso, a ramificarsi in iniziative verticali. Lo dimostra la prima mappa del crowdsourcing in Italia; quel fenomeno secondo cui moltitudini di utenti, su internet, collaborano a un progetto. La mappa (http://ow.ly/fGwRd, online da pochi giorni) è un'iniziativa di Bruno Pellegrini, uno dei guru del crowdsourcing in Europa. Ed è a sua volta “crowdsourced”: chiunque può registrarsi al sito per aggiungervi un esempio. Quando scriviamo se ne contano una ventina. Molti rientrano nella categoria “creatività”: produzione di idee, di design, di video pubblicitari. Dal basso. «Stimiamo che siano 200mila gli italiani iscritti a una piattaforma di crowdsourcing creativo e circa 15mila di loro recepiscono una forma di compenso», dice Pellegrini. «Questo tipo di crowdsourcing varrà 15 milioni di euro di ricavi nel 2012, per le piattaforme che lo gestiscono, per poi passare a 100 milioni nel 2015, in Italia», aggiunge. Sono di tipo creativo, del resto, due delle iniziative italiane pioniere del crowdsourcing: le piattaforme Zoopa (pubblicità) e Userfarm (video). Quest'ultimo è un network di 35mila videomaker che partecipano a gare e progetti proposti dalle aziende. È gestito da TheBlogTv, dello stesso Pellegrini. È crowdsourcing creativo anche il progetto appena lanciato da Barilla: una gara per creare un video che interpreti «il valore e il piacere di essere un sugo Barilla». La giuria sceglierà 10 vincitori, con un montepremi di 10mila euro. «È la prima volta che chiediamo agli utenti internet di creare un contenuto intorno al nostro marchio», spiega Alessio Gianni, direttore digitale marketing di Barilla. «È un modo innovativo di fare marketing. Coinvolgeremo centinaia di videomaker per avere filmati che saranno visti da milioni di persone nel mondo», dice. Al momento Barilla non prevede di farne spot pubblicitari in tivù, «ma è possibile che utilizzeremo questi filmati in campagne di vario tipo». Adesso il crowdsourcing creativo italiano si divide in due categorie. Da una parte le piattaforme indipendenti, Userfarm, Zoopa, BestCreativity (grafici e web designer), Shicon (designer), Starbytes (di Reply), 242MovieTv (professionisti di cinema e tv), che faranno insieme 5 milioni di euro nel 2012. Dall'altra, ci sono le piattaforme monomarca, come Pepsi Refreshing Project, Nissan Juke, Mediaset 8mm, Populis network (10 milioni di euro in tutto). Fuori da questo giardino c'è una grande varietà di esempi, a quanto rivela la mappa. Tra i maggiori ci sono quelli nell'ambito del supporto ai clienti. Utenti che aiutano altri utenti: un esempio internazionale è CrowdEngineering, nata a Catania da un'idea di Gioacchino La Vecchia. Fornisce un servizio di community collaborativa a grandi aziende, che vi dirottano circa il 10-30% delle richieste provenienti dai clienti. La community Vodafone Lab funziona con la stessa filosofia, ma riguarda solo quest'operatore, che la gestisce. Meno rappresentate le categorie della “conoscenza distribuita” (Pazienti.org, TuoGuru) e dell'Open Innovation (ideaTre60, della Fondazione Italiana Accenture, per progetti di innovazione sociale). E tutto questo senza considerare il capitolo del crowdfunding (prestiti, finanziamenti collaborativi), con piattaforme come Prestiamoci, Kapipal, Eppela, YouCapital (di Napoli e dedicato al giornalismo). In teoria il crowdfunding fa parte del crowdsourcing ma, secondo alcuni, merita di essere trattato a sé stante. Il fenomeno è nuovo, quindi le categorie sono ancora ballerine. In Italia soprattutto, visto che «da noi il mercato è meno maturo che all'estero», dice Pellegrini. Una conferma è nei numeri del crowdfunding. Secondo l'osservatorio di Massolution (Crowdsourcing.org), nel 2011 sono stati raccolti in questo modo 583,9 milioni di euro in Europa (1,469 miliardi nel mondo), attraverso 150 piattaforme, di cui solo tre in Italia. Contro le 44 del Regno Unito, le 28 della Francia, le 20 della Germania, le 18 della Spagna. Ma il percorso è tracciato anche da noi. Non fosse altro perché il crowdsourcing fa risparmiare. Pellegrini stima un taglio dei costi del 50-70% sui progetti, rispetto all'outsourcing tradizionale. E, al tempo stesso, dà all'azienda un'aura di marchio innovativo.

Domande frequenti - FAQ

Prestiamoci si pone l’obiettivo di promuovere il più possibile lo scambio di denaro tra privati, senza l’intermediazione di banche o altri istituti di credito. Questa caratteristica consente a Prestiamoci di distribuire ai Prestatori ed ai Richiedenti il guadagno che spetterebbe alla Banca. In questo modo i Prestatori possono ottenere un guadagno maggiore con tassi di interesse più elevati, mentre i Richiedenti possono accedere ad un finanziamento con costi inferiori. I costi di gestione vengono ridotti al minimo grazie all’operatività online e alla disintermediazione della banca, che viene quindi ricondotta al ruolo originario di cassaforte.

PRESTIAMOCI SpA – con sede legale in Foro Buonaparte 12, 20121 Milano (MI) – è la società finanziaria regolamentata dall’articolo 106 del Testo Unico Bancario, titolare del sito internet www.prestiamoci.it. Prestiamoci si pone l’obiettivo di promuovere il prestito tra persone all’interno di una community in cui si incontrano soggetti che presentano progetti da finanziare (Richiedenti) e soggetti che intendono investire parte delle proprie disponibilità in progetti che condividono (Prestatori).

Prestiamoci è una società di diritto italiano regolamentata dalla normativa del Testo Unico Bancario (TUB), dalle disposizioni regolamentari della Banca d’Italia e dalle normative italiane e comunitarie in materia di antiriciclaggio.

Prestiamoci, per i servizi offerti, richiede una commissione d’iscrizione una tantum, diversa per Prestatore e per Richiedente. La commissione pagata dal Richiedente varia dallo 0,54% al 7,56% dell’importo finanziato. Al Prestatore invece, viene applicata una commissione annuale pari all’1% del capitale investito. Infine, Prestiamoci partecipa ai progetti con una quota percependone gli interessi.

Prestiamoci opera una selezione dei Richiedenti portando sul Marketplace solamente coloro che sono meritevoli di credito, assegnando nel modo più trasparente possibile, e sulla base delle informazioni a disposizione, il più corretto livello di rischio. In questo modo Prestatori possano operare investimenti informati e consapevoli. Nel caso di Richiedenti finanziati, Prestiamoci gestisce l’incasso delle rate e governa tutti i conti di regolamento fra Richiedenti finanziati e Prestatori. Si occupa inoltre della gestione delle attività di recupero crediti nel caso in cui un Richiedente finanziato si trovi in difficoltà. Prestiamoci mette a disposizione per tutti i Prestatori informazioni dettagliate sulla loro posizione di investimento, sul rendimento al lordo e al netto delle perdite su crediti. Prestiamoci infine partecipa al finanziamento di ogni progetto ammesso al Marketplace con una sua quota.

Banca Sella è la banca d’appoggio di Prestiamoci che quindi offre servizi per l’operatività bancaria, quali l’apertura del conto deposito ed i servizi di pagamento tramite addebito diretto SEPA.

Prestiamoci adotta tutte le normative previste in materia di privacy dal GDPR, General Data Protection Regulation – Regolamento UE 2016/679. Durante il processo di compilazione del form per diventare Prestatori o Richiedenti e utilizzare i servizi di Prestiamoci, vengono esplicitate quali sono le informazioni necessarie per il consenso al trattamento dei dati. Prestiamoci è inoltre tenuta a fornire una precisa nota informativa sul trattamento dei dati personali degli Interessati.

Per Prestiamoci la sicurezza è soprattutto sicurezza informatica. L’intera architettura hardware e software, presidiata da sistemi anti intrusione e oggetto di periodiche procedure per il backup e la manutenzione, si avvale di strumenti di monitoraggio continuo e di pronto intervento atti a garantire un’elevata continuità di servizio. Il sito è conforme agli standard più avanzati di sicurezza del codice e di crittografia: ogni connessione è instaurata tramite protocollo “https”. Tutte le informazioni che transitano in rete tra il computer dell’utente ed i server di Prestiamoci, in particolare l’email e la password, sono codificate tramite meccanismi atti a garantirne integrità e riservatezza.

Il Marketplace è il luogo virtuale in cui avviene l’incontro tra domanda e offerta di denaro, tra Prestatori che intendono prestare il proprio denaro e Richiedenti che, a seguito del processo di selezione concluso positivamente, hanno inserito una richiesta di prestito sulla piattaforma.
Il funzionamento del Marketplace è basato su due logiche di lavoro.

La prima è l’applicazione di un algoritmo che ha l’obiettivo di ottimizzare l’abbinamento tra domanda e offerta sulla base delle preferenze dettate dal Prestatore in fase di adesione – modalità c.d. Presta Automatico. La seconda consente al Prestatore, in qualsiasi momento, di intervenire sulle Richieste di Prestito presenti, in completa autonomia – modalità c.d. Presta Manuale.

Le due logiche sono complementari tra di loro e lavorano simultaneamente con l’obiettivo di minimizzare il tempo di non utilizzo degli importi messi a disposizione del Marketplace da parte dei Prestatori, massimizzando il più alto numero possibile di abbinamenti con altrettante Richieste di Prestito esistenti sul Marketplace stesso.

Una volta compilata la scheda anagrafica e aver confermato il riepilogo, per qualsiasi modifica scrivi a info@prestiamoci.it  inserendo quali dati vuoi correggere.

Clicca sul link AREA CLIENTI in alto sulla homepage e poi sulla voce “Hai dimenticato la password?”. Inserisci la tua mail: riceverai le istruzioni per il ripristino tramite cui accedere ad una pagina a te riservata, valida per 24 ore e utilizzabile una sola volta, dove potrai impostare in tutta sicurezza una nuova password.

La documentazione contrattuale è sempre disponibile alla voce “Contratto”, l’ultima voce del menù nella tua Area Personale. In quella pagina, è possibile scaricarla e visionarla.

Se sei un Richiedente, nella tua area personale potrai verificare la percentuale di copertura del tuo progetto o il piano di rimborso se sei stato già finanziato. Se invece sei un Prestatore, potrai trovare un riepilogo sempre aggiornato del tuo investimento, all’interno dell’area personale.

No, una volta diventato operativo non puoi cambiare profilo fino a quando il rapporto con Prestiamoci non sarà terminato. Se invece non sei ancora operativo e vuoi modificare il tuo profilo, scrivi a operation@prestiamoci.it per ricevere le indicazioni su come procedere.

Invia una e-mail con oggetto “Annullamento Iscrizione” all’indirizzo operation@prestiamoci.it.

Ricorda però che se sei un Richiedente con in corso un prestito o un Prestatore con in corso un investimento non potrai abbandonare la community di Prestiamoci fino alla scadenza dei pagamenti o dei rimborsi.