Il giorno 10/06/2021 il sito sarà in manutenzione dalle 9 alle 13. Ci scusiamo per il disagio. Torneremo attivi quanto prima.

Figlio mio quanto mi costi! – Quanto costa crescere un figlio?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Alcune scelte si fanno soprattutto con il cuore. Ma avere un’idea di quanto costa crescere un figlio può aiutarci a pianificare la nostra serenità.

Quando si costituisce un nucleo familiare inizialmente formato dalla sola coppia, spesso si calcola che le spese che venivano affrontate da soli possano essere in qualche modo essere condivise, se quindi consideriamo il mero lato economico e non quello romantico, la convivenza ci aiuta a dividere le spese. 

Quanto costa mantenere un figlio? 

Quando nascono i figli, anche se ovviamente non hanno un prezzo, dal punto di vista più economico e realistico dobbiamo pensare che abbiano un costo crescente nel tempo, anche in tempi di recessione e con velocità superiori all’inflazione. 

Conoscere a priori anche se indicativamente questi costi, non solo può guidare nella scelta di quanti figli avere, ma dovrebbe essere un argomento fondamentale per la realizzazione delle politiche pubbliche di sostegno alla natalità.

Il costo per crescere un figlio: una ricerca dettagliata

Purtroppo non esiste molta letteratura in merito, possiamo farci aiutare da un interessante documento redatto alcuni anni fa. Una dettagliata ricerca di federconsumatori mostra i vari fattori che determinano l’entità delle spese, nonché le varie voci da integrare all’interno del calcolo stesso, le possibili variabili sono il reddito familiare, l’età dei figli, il patrimonio, la composizione del nucleo familiare, il luogo di residenza, e gli stili di consumo quotidiano. 

I suggerimenti per calcolare le spese per crescere i nostri figli 

Ed ecco le voci da inserire nel budget: 
Alloggio: che comprende i costi di affitto/mutuo, tasse di proprietà, manutenzione, pulizia, spese per 
luce, gas, acqua, riscaldamento, rifiuti e arredamento. (compreso Tv,radio,Hi‐Fi..)   
Alimentazione: le spese per cibo, bevande, buoni mensa, ristorante. 
Trasporti e comunicazioni: la voce comprende la quota di ammortamento per l’acquisto del veicolo, 
carburante, manutenzione e riparazioni, assicurazione, trasporti pubblici (aerei compresi) telefonia 
fissa e mobile e connessione Internet 
Abbigliamento: costi di acquisto, pulitura e riparazione   
Salute: costi non coperti dal servizio pubblico (es. dentista, fisioterapia, psicologo…)   
Educazione e cura: spese per babysitter, tasse scolastiche, libri, ripetizioni, pre‐post scuola, mensa 
scolastica, viaggi di studio, PC…   
Varie: comprendono spese per cura personale, paghetta, sport, intrattenimento, viaggi, regali. 

Considerando tutte queste spese e fatti i dovuti aggiustamenti, gli esperti hanno messo a punto le seguenti tabelle, che naturalmente rappresentano una specie di “media nazionale” da utilizzare come riferimento indicativo. 

 

Lo studio NON include le spese pubbliche che lo Stato sostiene per la crescita di un figlio, che in Italia si aggirano intorno all’1,5% del PIL e non considerano i costi sostenuti da chi dei due genitori accudisce il figlio, in termini di perdita di guadagno economico e fatica, che possiamo stimare intorno ad un minimo di 700 euro al mese.

Crescere un figlio in Italia costa più che all’estero?

Fortunatamente, sembrerebbe di no. La ricerca infatti ragionevolmente parametra il confronto tra i vari paesi occidentali prendendo in considerazione una parità di potere di acquisto.  Come possiamo vedere l’Italia, se raffrontiamo il costo per crescere i ragazzi al potere d’acquisto, si trova nella media. 

Quali sono le migliori città al mondo per crescere i figli? 

Grazie a Mercer Consulting, attraverso le combinazioni di più fattori sociali è possibile riportare una classifica delle migliori città da prendere in considerazione per la crescita del proprio figlio: 

Quanto costa mantenere un figlio? Ecco i dati più aggiornati 

Concludendo possiamo dunque dire che le coppie con figli hanno una spesa incrementata dal 25% al 35%. 
Anche se una ricerca approfondita come quella appena citata non è più stata pubblicata, Federconsumatori offre ogni anno una panoramica del costo medio per mantenere i figli, con particolare riferimento al primo anno di vita. Dalla pubblicazione del 2018 scopriamo che il costo è aumentato complessivamente dell’1% circa rispetto all’anno precedente. 
Analizzando invece dati complessivi del 2017, le spese per l’abbigliamento rimangono costanti, aumentano quelle per dare una stanza al figlio e diminuiscono leggermente quelle per l’alimentazione. 
Mentre crescono quasi quattro volte l’inflazione quelle relative all’educazione e alla cura dei figli. 

Il peer to peer lending è un buon modo per fare fronte alle spese impreviste 

Una buona pianificazione economica famigliare è senza dubbio il modo migliore sostenere le spese ordinarie e anche a quelle impreviste. Ma vista la situazione economica attuale, per fronteggiare un imprevisto potrebbe essere necessario finanziare le spese in qualche modo. 
E il prestito tra privati è una delle alternative più valide per fare fronte a una spesa non preventivata, oppure per avviare un nuovo progetto famigliare con la tranquillità e la serenità necessarie nei momenti più importanti della nostra vita. 
Probabilmente è questa la ragione per cui anche la nostra piattaforma ha visto nell’ultimo anno un notevole incremento di richieste di prestito che hanno come causale le spese universitarie e quelle odontoiatriche. 

 

Domande frequenti - FAQ

Prestiamoci si pone l’obiettivo di promuovere il più possibile lo scambio di denaro tra privati, senza l’intermediazione di banche o altri istituti di credito. Questa caratteristica consente a Prestiamoci di distribuire ai Prestatori ed ai Richiedenti il guadagno che spetterebbe alla Banca. In questo modo i Prestatori possono ottenere un guadagno maggiore con tassi di interesse più elevati, mentre i Richiedenti possono accedere ad un finanziamento con costi inferiori. I costi di gestione vengono ridotti al minimo grazie all’operatività online e alla disintermediazione della banca, che viene quindi ricondotta al ruolo originario di cassaforte.

PRESTIAMOCI SpA – con sede legale in Foro Buonaparte 12, 20121 Milano (MI) – è la società finanziaria regolamentata dall’articolo 106 del Testo Unico Bancario, titolare del sito internet www.prestiamoci.it. Prestiamoci si pone l’obiettivo di promuovere il prestito tra persone all’interno di una community in cui si incontrano soggetti che presentano progetti da finanziare (Richiedenti) e soggetti che intendono investire parte delle proprie disponibilità in progetti che condividono (Prestatori).

Prestiamoci è una società di diritto italiano regolamentata dalla normativa del Testo Unico Bancario (TUB), dalle disposizioni regolamentari della Banca d’Italia e dalle normative italiane e comunitarie in materia di antiriciclaggio.

Prestiamoci, per i servizi offerti, richiede una commissione d’iscrizione una tantum, diversa per Prestatore e per Richiedente. La commissione pagata dal Richiedente varia dallo 0,54% al 7,56% dell’importo finanziato. Al Prestatore invece, viene applicata una commissione annuale pari all’1% del capitale investito. Infine, Prestiamoci partecipa ai progetti con una quota percependone gli interessi.

Prestiamoci opera una selezione dei Richiedenti portando sul Marketplace solamente coloro che sono meritevoli di credito, assegnando nel modo più trasparente possibile, e sulla base delle informazioni a disposizione, il più corretto livello di rischio. In questo modo Prestatori possano operare investimenti informati e consapevoli. Nel caso di Richiedenti finanziati, Prestiamoci gestisce l’incasso delle rate e governa tutti i conti di regolamento fra Richiedenti finanziati e Prestatori. Si occupa inoltre della gestione delle attività di recupero crediti nel caso in cui un Richiedente finanziato si trovi in difficoltà. Prestiamoci mette a disposizione per tutti i Prestatori informazioni dettagliate sulla loro posizione di investimento, sul rendimento al lordo e al netto delle perdite su crediti. Prestiamoci infine partecipa al finanziamento di ogni progetto ammesso al Marketplace con una sua quota.

Banca Sella è la banca d’appoggio di Prestiamoci che quindi offre servizi per l’operatività bancaria, quali l’apertura del conto deposito ed i servizi di pagamento tramite addebito diretto SEPA.

Prestiamoci adotta tutte le normative previste in materia di privacy dal GDPR, General Data Protection Regulation – Regolamento UE 2016/679. Durante il processo di compilazione del form per diventare Prestatori o Richiedenti e utilizzare i servizi di Prestiamoci, vengono esplicitate quali sono le informazioni necessarie per il consenso al trattamento dei dati. Prestiamoci è inoltre tenuta a fornire una precisa nota informativa sul trattamento dei dati personali degli Interessati.

Per Prestiamoci la sicurezza è soprattutto sicurezza informatica. L’intera architettura hardware e software, presidiata da sistemi anti intrusione e oggetto di periodiche procedure per il backup e la manutenzione, si avvale di strumenti di monitoraggio continuo e di pronto intervento atti a garantire un’elevata continuità di servizio. Il sito è conforme agli standard più avanzati di sicurezza del codice e di crittografia: ogni connessione è instaurata tramite protocollo “https”. Tutte le informazioni che transitano in rete tra il computer dell’utente ed i server di Prestiamoci, in particolare l’email e la password, sono codificate tramite meccanismi atti a garantirne integrità e riservatezza.

Il Marketplace è il luogo virtuale in cui avviene l’incontro tra domanda e offerta di denaro, tra Prestatori che intendono prestare il proprio denaro e Richiedenti che, a seguito del processo di selezione concluso positivamente, hanno inserito una richiesta di prestito sulla piattaforma.
Il funzionamento del Marketplace è basato su due logiche di lavoro.

La prima è l’applicazione di un algoritmo che ha l’obiettivo di ottimizzare l’abbinamento tra domanda e offerta sulla base delle preferenze dettate dal Prestatore in fase di adesione – modalità c.d. Presta Automatico. La seconda consente al Prestatore, in qualsiasi momento, di intervenire sulle Richieste di Prestito presenti, in completa autonomia – modalità c.d. Presta Manuale.

Le due logiche sono complementari tra di loro e lavorano simultaneamente con l’obiettivo di minimizzare il tempo di non utilizzo degli importi messi a disposizione del Marketplace da parte dei Prestatori, massimizzando il più alto numero possibile di abbinamenti con altrettante Richieste di Prestito esistenti sul Marketplace stesso.

Una volta compilata la scheda anagrafica e aver confermato il riepilogo, per qualsiasi modifica scrivi a info@prestiamoci.it  inserendo quali dati vuoi correggere.

Clicca sul link AREA CLIENTI in alto sulla homepage e poi sulla voce “Hai dimenticato la password?”. Inserisci la tua mail: riceverai le istruzioni per il ripristino tramite cui accedere ad una pagina a te riservata, valida per 24 ore e utilizzabile una sola volta, dove potrai impostare in tutta sicurezza una nuova password.

La documentazione contrattuale è sempre disponibile alla voce “Contratto”, l’ultima voce del menù nella tua Area Personale. In quella pagina, è possibile scaricarla e visionarla.

Se sei un Richiedente, nella tua area personale potrai verificare la percentuale di copertura del tuo progetto o il piano di rimborso se sei stato già finanziato. Se invece sei un Prestatore, potrai trovare un riepilogo sempre aggiornato del tuo investimento, all’interno dell’area personale.

No, una volta diventato operativo non puoi cambiare profilo fino a quando il rapporto con Prestiamoci non sarà terminato. Se invece non sei ancora operativo e vuoi modificare il tuo profilo, scrivi a operation@prestiamoci.it per ricevere le indicazioni su come procedere.

Invia una e-mail con oggetto “Annullamento Iscrizione” all’indirizzo operation@prestiamoci.it.

Ricorda però che se sei un Richiedente con in corso un prestito o un Prestatore con in corso un investimento non potrai abbandonare la community di Prestiamoci fino alla scadenza dei pagamenti o dei rimborsi.