Il giorno 10/06/2021 il sito sarà in manutenzione dalle 9 alle 13. Ci scusiamo per il disagio. Torneremo attivi quanto prima.

Prestiamoci 100% online con la firma digitale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

 

Prestiamoci: 100% Online con la Firma Digitale
Prestiamoci: 100% Online con la Firma Digitale

 

La firma digitale è attiva!

Dal 21 febbraio 2017 PRESTIAMOCI offre la firma digitale gratuitamente ai propri clienti, a partire dai Richiedenti. È l’equivalente della firma autografa, con il medesimo valore legale, ma permette di firmare contratti direttamente online e comodamente da casa, in tutta sicurezza e senza stampare o spedire documentazione cartacea. Non richiede alcuna installazione software sul computer del cliente e si basa sul semplice inserimento di un codice OTP, ricevuto via SMS. Tanti i vantaggi di semplificazione e di efficienza.

 

Che cos’è la Firma Digitale

La Firma Digitale è l’equivalente informatico di una tradizionale firma apposta su carta.

La differenza tra firma autografa e firma digitale è che la prima è legata alla caratteristica fisica della persona che appone la firma, vale a dire la grafia, mentre la seconda al possesso di uno strumento informatico e di un codice di abilitazione da parte del firmatario.

La firma digitale consente di sottoscrivere i tuoi documenti in formato digitale con lo stesso valore legale della firma tradizionale.

La funzione della firma digitale è quella di attestare la validità, la veridicità e la paternità di un file di dati (testo, immagini, musica, ecc.) e non va confusa con altri oggetti definiti genericamente “elettronici”, come ad esempio la firma autografa scansionata e conservata come immagine.

La Firma digitale è, infatti, il risultato di una procedura informatica basata su un sistema di codifica crittografica a chiavi asimmetriche (una pubblica e una privata), che consente:

  • la sottoscrizione di un documento informatico;
  • la verifica, da parte dei destinatari, dell’identità del soggetto firmatario;
  • la sicurezza della provenienza del documento;
  • la certezza che l’informazione contenuta nel documento non sia stata alterata.
  • il non ripudio da parte del sottoscrittore, in quanto il documento informatico sottoscritto con firma digitale ha piena validità legale.

La Firma digitale può essere utilizzata per firmare qualunque documento elettronico. I casi di utilizzo della firma digitale, tanto nella pubblica amministrazione quanto nelle imprese, sono sempre più numerosi: si pensi, ad esempio, alla piena dematerializzazione dei mandati di pagamento, dei contratti di finanziamento o all’obbligo di trasmissione telematica delle pratiche societarie.

Perché tutto questo sia possibile è necessaria però un’infrastruttura tecnologica (PKI, Public Key Infrastructure) gestita da un Ente Certificatore, ovvero da un soggetto iscritto in un apposito elenco tenuto dall’Agenzia per l’Italia Digitale, che abbia precisi compiti e responsabilità.

PRESTIAMOCI ha scelto come proprio Ente Certificatore INFOCERT. Si tratta del primo Ente Certificatore per la Firma digitale in Italia, che si occupa anche dei processi di Conservazione Sostitutiva dei documenti a norma di legge.

 

Qual è il valore legale della Firma digitale

I presupposti giuridici, che rendono possibili transazioni legali fatte grazie alla firma digitale, si fondano soprattutto sull’articolo 15 comma 2 della legge 15 marzo 1997 n. 59, la cosiddetta “Bassanini 1”, che recita:

“Gli atti, dati e documenti formati dalla pubblica amministrazione e dai privati con strumenti informatici o telematici, i contratti stipulati nelle medesime forme, nonché la loro archiviazione e trasmissione con strumenti informatici sono validi e rilevanti a tutti gli effetti di legge…”.

L’attuale Codice dell’Amministrazione Digitale, D. Lgs. 7 marzo 2005, n. 82 dispone, inoltre, all’art. 21, comma 2, che “il documento informatico, sottoscritto con firma digitale o con un altro tipo di firma elettronica qualificata, ha l’efficacia [della forma scritta] prevista dall’articolo 2702 del Codice Civile. L’utilizzo del dispositivo di firma si presume riconducibile al titolare, salvo che sia data prova contraria.”

La Firma digitale è quindi uno strumento efficace per la completa dematerializzazione dei processi, ove sia necessario garantire ai documenti la forma scritta e il valore probatorio, come, nello specifico, nel caso della stipula di contratti di prodotti di finanziamento.

 

I vantaggi della Firma Digitale in PRESTIAMOCI

La Firma digitale presenta una serie di vantaggi in termini di semplificazione tra PRESTIAMOCI ed i suoi clienti. Si pensi all’invio del contratto di prestito cartaceo: va scritto, stampato, firmato e poi spedito tramite posta tradizionale. Mentre con la firma digitale si firma il documento attraverso dispositivi elettronici e lo si trasmette elettronicamente, senza stamparlo.

Firmare un documento digitalmente è semplice e veloce.

Si risparmia, quindi, in costi di stampa del cartaceo, tempi di trasmissione e tempi logistici, con la sicurezza dell’inalterabilità dei contenuti.

 

COME FUNZIONA PER I RICHIEDENTI

PRESTIAMOCI ha attivato la Firma digitale per i Richiedenti il prestito in forma del tutto gratuita.

  • La procedura di sottoscrizione digitale prevede che, a seguito della valutazione positiva della richiesta di finanziamento, il Richiedente venga contattato da Prestiamoci e riceva una mail che lo informi che il suo contratto è disponibile per essere firmato.
  • Accedendo alla propria Area riservata e con a disposizione il proprio cellulare, il Richiedente prende visione della contrattualistica e procede poi ad apporre la Firma digitale sui documenti, inserendo, in un apposito spazio della sua Area riservata, il codice OTP (One Time Password) ricevuto via SMS sul cellulare.
  • Il contratto di prestito è così firmato e copia dello stesso è disponibile per essere scaricato.

Il codice OTP (One-Time Password) è una password che è valida solo per una singola sessione di accesso o una transazione; si tratta di un codice alfanumerico (di norma, composto da 6 cifre), generato da un algoritmo che crea una serie casuale di numeri, utile per rendere sicura l’autenticazione online.

 

I VANTAGGI DELLA FIRMA DIGITALE DI PRESTIAMOCI

  • GRATUITA: nessun costo da sostenere;
  • VELOCE: i tempi di attesa dovuti alla stampa e alla ricezione del contratto cartaceo firmato sono eliminati, velocizzando così i tempi di erogazione del finanziamento;
  • SEMPLICE: si fa tutto online, basta seguire la procedura guidata e avere a portata di mano il proprio cellulare;
  • SICURA: garantita grazie ad InfoCert, l’ente certificatore leader in Italia per i servizi di Firma digitale; in tal modo la firma digitale ha lo stesso valore legale della firma tradizionale;
  • COMODA: si può firmare il contratto di finanziamento quando e dove si vuole; inoltre il contratto è subito disponibile nel sito di Prestiamoci dove rimane sempre reperibile.

In Prestiamoci la validità della firma digitale è subordinata al completamento delle procedure di identificazione del cliente mediante valido documento di riconoscimento e al bonifico per l’identificazione a distanza. Inoltre la firma digitale con PRESTIAMOCI può essere utilizzata solo per firmare digitalmente i contratti di richiesta di prestito PRESTIAMOCI e non è utilizzabile per firmare documenti di altri soggetti/enti (ad esempio, i documenti di altre finanziarie, banche o della Pubblica Amministrazione).

 [button link=”https://www.prestiamoci.it/landing-richiedenti-step1b” type=”big” newwindow=”yes”] Diventa Richiedente[/button]

Domande frequenti - FAQ

Prestiamoci si pone l’obiettivo di promuovere il più possibile lo scambio di denaro tra privati, senza l’intermediazione di banche o altri istituti di credito. Questa caratteristica consente a Prestiamoci di distribuire ai Prestatori ed ai Richiedenti il guadagno che spetterebbe alla Banca. In questo modo i Prestatori possono ottenere un guadagno maggiore con tassi di interesse più elevati, mentre i Richiedenti possono accedere ad un finanziamento con costi inferiori. I costi di gestione vengono ridotti al minimo grazie all’operatività online e alla disintermediazione della banca, che viene quindi ricondotta al ruolo originario di cassaforte.

PRESTIAMOCI SpA – con sede legale in Foro Buonaparte 12, 20121 Milano (MI) – è la società finanziaria regolamentata dall’articolo 106 del Testo Unico Bancario, titolare del sito internet www.prestiamoci.it. Prestiamoci si pone l’obiettivo di promuovere il prestito tra persone all’interno di una community in cui si incontrano soggetti che presentano progetti da finanziare (Richiedenti) e soggetti che intendono investire parte delle proprie disponibilità in progetti che condividono (Prestatori).

Prestiamoci è una società di diritto italiano regolamentata dalla normativa del Testo Unico Bancario (TUB), dalle disposizioni regolamentari della Banca d’Italia e dalle normative italiane e comunitarie in materia di antiriciclaggio.

Prestiamoci, per i servizi offerti, richiede una commissione d’iscrizione una tantum, diversa per Prestatore e per Richiedente. La commissione pagata dal Richiedente varia dallo 0,54% al 7,56% dell’importo finanziato. Al Prestatore invece, viene applicata una commissione annuale pari all’1% del capitale investito. Infine, Prestiamoci partecipa ai progetti con una quota percependone gli interessi.

Prestiamoci opera una selezione dei Richiedenti portando sul Marketplace solamente coloro che sono meritevoli di credito, assegnando nel modo più trasparente possibile, e sulla base delle informazioni a disposizione, il più corretto livello di rischio. In questo modo Prestatori possano operare investimenti informati e consapevoli. Nel caso di Richiedenti finanziati, Prestiamoci gestisce l’incasso delle rate e governa tutti i conti di regolamento fra Richiedenti finanziati e Prestatori. Si occupa inoltre della gestione delle attività di recupero crediti nel caso in cui un Richiedente finanziato si trovi in difficoltà. Prestiamoci mette a disposizione per tutti i Prestatori informazioni dettagliate sulla loro posizione di investimento, sul rendimento al lordo e al netto delle perdite su crediti. Prestiamoci infine partecipa al finanziamento di ogni progetto ammesso al Marketplace con una sua quota.

Banca Sella è la banca d’appoggio di Prestiamoci che quindi offre servizi per l’operatività bancaria, quali l’apertura del conto deposito ed i servizi di pagamento tramite addebito diretto SEPA.

Prestiamoci adotta tutte le normative previste in materia di privacy dal GDPR, General Data Protection Regulation – Regolamento UE 2016/679. Durante il processo di compilazione del form per diventare Prestatori o Richiedenti e utilizzare i servizi di Prestiamoci, vengono esplicitate quali sono le informazioni necessarie per il consenso al trattamento dei dati. Prestiamoci è inoltre tenuta a fornire una precisa nota informativa sul trattamento dei dati personali degli Interessati.

Per Prestiamoci la sicurezza è soprattutto sicurezza informatica. L’intera architettura hardware e software, presidiata da sistemi anti intrusione e oggetto di periodiche procedure per il backup e la manutenzione, si avvale di strumenti di monitoraggio continuo e di pronto intervento atti a garantire un’elevata continuità di servizio. Il sito è conforme agli standard più avanzati di sicurezza del codice e di crittografia: ogni connessione è instaurata tramite protocollo “https”. Tutte le informazioni che transitano in rete tra il computer dell’utente ed i server di Prestiamoci, in particolare l’email e la password, sono codificate tramite meccanismi atti a garantirne integrità e riservatezza.

Il Marketplace è il luogo virtuale in cui avviene l’incontro tra domanda e offerta di denaro, tra Prestatori che intendono prestare il proprio denaro e Richiedenti che, a seguito del processo di selezione concluso positivamente, hanno inserito una richiesta di prestito sulla piattaforma.
Il funzionamento del Marketplace è basato su due logiche di lavoro.

La prima è l’applicazione di un algoritmo che ha l’obiettivo di ottimizzare l’abbinamento tra domanda e offerta sulla base delle preferenze dettate dal Prestatore in fase di adesione – modalità c.d. Presta Automatico. La seconda consente al Prestatore, in qualsiasi momento, di intervenire sulle Richieste di Prestito presenti, in completa autonomia – modalità c.d. Presta Manuale.

Le due logiche sono complementari tra di loro e lavorano simultaneamente con l’obiettivo di minimizzare il tempo di non utilizzo degli importi messi a disposizione del Marketplace da parte dei Prestatori, massimizzando il più alto numero possibile di abbinamenti con altrettante Richieste di Prestito esistenti sul Marketplace stesso.

Una volta compilata la scheda anagrafica e aver confermato il riepilogo, per qualsiasi modifica scrivi a info@prestiamoci.it  inserendo quali dati vuoi correggere.

Clicca sul link AREA CLIENTI in alto sulla homepage e poi sulla voce “Hai dimenticato la password?”. Inserisci la tua mail: riceverai le istruzioni per il ripristino tramite cui accedere ad una pagina a te riservata, valida per 24 ore e utilizzabile una sola volta, dove potrai impostare in tutta sicurezza una nuova password.

La documentazione contrattuale è sempre disponibile alla voce “Contratto”, l’ultima voce del menù nella tua Area Personale. In quella pagina, è possibile scaricarla e visionarla.

Se sei un Richiedente, nella tua area personale potrai verificare la percentuale di copertura del tuo progetto o il piano di rimborso se sei stato già finanziato. Se invece sei un Prestatore, potrai trovare un riepilogo sempre aggiornato del tuo investimento, all’interno dell’area personale.

No, una volta diventato operativo non puoi cambiare profilo fino a quando il rapporto con Prestiamoci non sarà terminato. Se invece non sei ancora operativo e vuoi modificare il tuo profilo, scrivi a operation@prestiamoci.it per ricevere le indicazioni su come procedere.

Invia una e-mail con oggetto “Annullamento Iscrizione” all’indirizzo operation@prestiamoci.it.

Ricorda però che se sei un Richiedente con in corso un prestito o un Prestatore con in corso un investimento non potrai abbandonare la community di Prestiamoci fino alla scadenza dei pagamenti o dei rimborsi.