Il giorno 10/06/2021 il sito sarà in manutenzione dalle 9 alle 13. Ci scusiamo per il disagio. Torneremo attivi quanto prima.

Fisco e P2P lending: fino a 10 mila euro, aliquota al 10%?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Fisco_prestito tra privati
Il progetto di legge sulla Sharing Economy: sotto i 10 mila euro aliquota al 10%, con la formula della cedolare secca. Ecco cosa cambierebbe nel prestito tra privati.

Ecco come sarebbero tassati gli interessi dei Prestatori, secondo la proposta  di legge 3564 sulla Sharing Economy.

Finalmente qualcuno si è posto il problema del trattamento fiscale per i proventi dell’economia della condivisione.

Oltre a Bla Bla car, Gnammo e Airbnb, tra i destinatari del disegno di legge, c’è anche il P2P lending (inserito tra le piattaforme di Crowdfunding, senza distinzioni fra equity e debito).

 

Differenze nella regolamentazione tra sharing economy e p2p lending

Come suggerito dalle cronache, regolamentare la sharing economy può essere molto complesso.

Dalla guerra tra Uber e i tassisti, al caso di Gnammo, che dovrà chiarire la differenza fra l’home restaurant e le cene (a pagamento e saltuarie) nelle case dei suoi utenti, gli esempi di quanta confusione ci sia sono davvero molti.

Per questo, la proposta di legge 3564 rafforza il quadro normativo per le attività in settori non regolamentati. Ma questo è un aspetto meno rilevante per Prestiamoci.

 

Perché siamo vigilati da Banca D’Italia, autorizzati come finanziaria e Istituto di Pagamento: operiamo in un contesto ampiamente regolamentato

Il progetto di legge 3564

È stato presentato alla Camera il 2 marzo e vuole disciplinare “le piattaforme digitali per la condivisione di beni e servizi», «promuovere l’economia della condivisione» e definire «strumenti atti a garantire la trasparenza, l’equità fiscale, la leale concorrenza e la tutela dei consumatori».

Prevede che i pagamenti debbano essere unicamente digitali (come già avviene su prestiamoci.it).

Tra gli articoli più importanti il n°5: quello che parla di fiscalità, tema fondamentale per la determinazione dei rendimenti netti dei nostri prestatori.

Chiede un’aliquota fissa al 10% su tutte le transazioni. 

E il marketplace agirebbe da sostituto d’imposta.

Significa che Prestiamoci tratterrebbe il 10% degli interessi generati dai Prestatori, per poi versarli all’erario.

 

Questa proposta di legge (bipartisan) fissa una soglia a 10 mila euro

 

chi sta sotto

«svolge una micro-attività non professionale ad integrazione del reddito» e pagherebbe il 10% con la formula della cedolare secca.

 

chi sta sopra

«opera a livello professionale o imprenditoriale a tutti gli effetti» e verserebbe l’aliquota marginale, corrispondente al cumulo con gli altri redditi.

 

Il progetto di legge 3564 rimarrà online fino al 16 maggio 2016: potete leggerlo per intero e commentare i singoli articoli.

 

L’attuale Tassazione degli interessi, nel prestito tra privati.

La normativa vigente impone che i proventi derivanti dalla partecipazione alle attività P2P lending, siano tassati secondo l’aliquota marginale (in sede di dichiarazione dei redditi).

Così, a differenza di altre forme d’investimento, la pressione fiscale è diversa a seconda del reddito complessivo del singolo prestatore. Ed è diverso anche il modo in cui viene applicata la tassazione.

Le opzioni sono due, a seconda che la trattenuta sia o meno effettuata alla fonte. In entrambi i casi la cifra che dovrà essere versata all’erario sarà la stessa.

 

Nel primo caso, in cui si applica la ritenuta d’acconto (26%), la tassazione avviene quando le somme vengono accreditate sul conto del prestatore nella piattaforma di peer to peer lending.

Poi l’amministrazione verifica la corretta riconciliazione fra acconto di imposta (comunicato dal sostituto di imposta) e il saldo in dichiarazione dei redditi, determinato in base all’aliquota marginale.

Nel caso in cui l’aliquota marginale sia inferiore al 26%, l’utente dovrà recuperare dal fisco la parte versata in più  (perché si troverebbe ad aver pagato delle imposte non dovute).

 

Nel secondo caso (quello di Prestiamoci) sarà l’utente ad inserire nella propria dichiarazione dei redditi, gli importi guadagnati dagli interessi  che  saranno tassati in base all’aliquota marginale del proprio scaglione Irpef.

Così il Prestatore incasserà mensilmente gli interessi e verserà le imposte all’erario con la dichiarazione dei redditi dell’anno successivo.

 

 

Approfondisci come funzionano rendimento e tassazione su Prestiamoci

 

 

Esempio di tassazione degli interessi nel P2P Lending

Per una comprensione più semplice dell’attuale sistema di tassazione degli interessi percepiti nei prestiti tra privati, abbiamo creato questa tabella che evidenzia, per ogni scaglione di reddito, l’aliquota di riferimento, l’ammontare investito, il rendimento lordo, l’imposta e il rendimento netto finale.

 

Scaglioni di reddito IRPEF Persone Fisiche  (Euro)

Aliquota %

Investimento  (Euro) Rendimento Lordo  (Euro) Imposta  (Euro)

Rendimento Netto  (Euro)

0 – 15.000

23%

100,00 7,00 1,61

5,39

15.001 – 28.000

27%

100,00 7,00 1,89

5,11

28.001 – 55.000

38%

100,00 7,00 2,66

4,34

55.001 – 75.000

41%

100,00 7,00 2,87

4,13

Oltre 75.000

43%

100,00 7,00 3,01

3,99

 

Vediamo come all’aumentare del reddito del prestatore, il rendimento netto si riduca (pur rimanendo superiore a quello di BTP, Conto Deposito e obbligazioni societarie).

Per questo, molte coppie e famiglie intestano l’investimento alla persona soggetta all’aliquota meno elevata.

Per le Persone Giuridiche la tassazione rientra nei parametri della Legge fiscale.

 

Con la nuova proposta di legge, cosa cambierebbe per chi investe nei prestiti fra privati?

Per i Prestatori con interessi annui inferiori a 10.000 €, l’aliquota verrebbe portata al 10% e Prestiamoci applicherebbe una trattenuta alla fonte, a titolo definitivo.

Questo consentirebbe ai nostri Prestatori di muoversi in un contesto chiaro, senza preoccuparsi di dover riportare tali proventi nella dichiarazione dei redditi.

 

I vantaggi sarebbero evidenti per tutte le parti coinvolte:

  • Gli investitori potrebbero contare su un sistema di tassazione semplice e predefinita. E l’aliquota al 10% renderebbe l’investimento particolarmente vantaggioso.
  • I Richiedenti avrebbero maggiore disponibilità di risorse. Così aumenterebbe le possibilità di accesso al credito per chi richiede prestiti personali.
  • Il Fisco, che attualmente fatica ad intercettare i proventi derivanti dalla sharing economy, riceverebbe un gettito stabile (grazie alla ritenuta alla fonte del 10% a titolo definitivo).

 

Per i Prestatori e i Richiedenti di Prestiamoci è importante che questa proposta diventi legge.

Più in generale auspichiamo che vengano poste in essere soluzioni semplici e ragionevoli come: la tassazione fissa, trattenute direttamente alla fonte a titolo definitivo, la piattaforma come sostituto d’imposta.

 

DIVENTA PRESTATORE

Domande frequenti - FAQ

Prestiamoci si pone l’obiettivo di promuovere il più possibile lo scambio di denaro tra privati, senza l’intermediazione di banche o altri istituti di credito. Questa caratteristica consente a Prestiamoci di distribuire ai Prestatori ed ai Richiedenti il guadagno che spetterebbe alla Banca. In questo modo i Prestatori possono ottenere un guadagno maggiore con tassi di interesse più elevati, mentre i Richiedenti possono accedere ad un finanziamento con costi inferiori. I costi di gestione vengono ridotti al minimo grazie all’operatività online e alla disintermediazione della banca, che viene quindi ricondotta al ruolo originario di cassaforte.

PRESTIAMOCI SpA – con sede legale in Foro Buonaparte 12, 20121 Milano (MI) – è la società finanziaria regolamentata dall’articolo 106 del Testo Unico Bancario, titolare del sito internet www.prestiamoci.it. Prestiamoci si pone l’obiettivo di promuovere il prestito tra persone all’interno di una community in cui si incontrano soggetti che presentano progetti da finanziare (Richiedenti) e soggetti che intendono investire parte delle proprie disponibilità in progetti che condividono (Prestatori).

Prestiamoci è una società di diritto italiano regolamentata dalla normativa del Testo Unico Bancario (TUB), dalle disposizioni regolamentari della Banca d’Italia e dalle normative italiane e comunitarie in materia di antiriciclaggio.

Prestiamoci, per i servizi offerti, richiede una commissione d’iscrizione una tantum, diversa per Prestatore e per Richiedente. La commissione pagata dal Richiedente varia dallo 0,54% al 7,56% dell’importo finanziato. Al Prestatore invece, viene applicata una commissione annuale pari all’1% del capitale investito. Infine, Prestiamoci partecipa ai progetti con una quota percependone gli interessi.

Prestiamoci opera una selezione dei Richiedenti portando sul Marketplace solamente coloro che sono meritevoli di credito, assegnando nel modo più trasparente possibile, e sulla base delle informazioni a disposizione, il più corretto livello di rischio. In questo modo Prestatori possano operare investimenti informati e consapevoli. Nel caso di Richiedenti finanziati, Prestiamoci gestisce l’incasso delle rate e governa tutti i conti di regolamento fra Richiedenti finanziati e Prestatori. Si occupa inoltre della gestione delle attività di recupero crediti nel caso in cui un Richiedente finanziato si trovi in difficoltà. Prestiamoci mette a disposizione per tutti i Prestatori informazioni dettagliate sulla loro posizione di investimento, sul rendimento al lordo e al netto delle perdite su crediti. Prestiamoci infine partecipa al finanziamento di ogni progetto ammesso al Marketplace con una sua quota.

Banca Sella è la banca d’appoggio di Prestiamoci che quindi offre servizi per l’operatività bancaria, quali l’apertura del conto deposito ed i servizi di pagamento tramite addebito diretto SEPA.

Prestiamoci adotta tutte le normative previste in materia di privacy dal GDPR, General Data Protection Regulation – Regolamento UE 2016/679. Durante il processo di compilazione del form per diventare Prestatori o Richiedenti e utilizzare i servizi di Prestiamoci, vengono esplicitate quali sono le informazioni necessarie per il consenso al trattamento dei dati. Prestiamoci è inoltre tenuta a fornire una precisa nota informativa sul trattamento dei dati personali degli Interessati.

Per Prestiamoci la sicurezza è soprattutto sicurezza informatica. L’intera architettura hardware e software, presidiata da sistemi anti intrusione e oggetto di periodiche procedure per il backup e la manutenzione, si avvale di strumenti di monitoraggio continuo e di pronto intervento atti a garantire un’elevata continuità di servizio. Il sito è conforme agli standard più avanzati di sicurezza del codice e di crittografia: ogni connessione è instaurata tramite protocollo “https”. Tutte le informazioni che transitano in rete tra il computer dell’utente ed i server di Prestiamoci, in particolare l’email e la password, sono codificate tramite meccanismi atti a garantirne integrità e riservatezza.

Il Marketplace è il luogo virtuale in cui avviene l’incontro tra domanda e offerta di denaro, tra Prestatori che intendono prestare il proprio denaro e Richiedenti che, a seguito del processo di selezione concluso positivamente, hanno inserito una richiesta di prestito sulla piattaforma.
Il funzionamento del Marketplace è basato su due logiche di lavoro.

La prima è l’applicazione di un algoritmo che ha l’obiettivo di ottimizzare l’abbinamento tra domanda e offerta sulla base delle preferenze dettate dal Prestatore in fase di adesione – modalità c.d. Presta Automatico. La seconda consente al Prestatore, in qualsiasi momento, di intervenire sulle Richieste di Prestito presenti, in completa autonomia – modalità c.d. Presta Manuale.

Le due logiche sono complementari tra di loro e lavorano simultaneamente con l’obiettivo di minimizzare il tempo di non utilizzo degli importi messi a disposizione del Marketplace da parte dei Prestatori, massimizzando il più alto numero possibile di abbinamenti con altrettante Richieste di Prestito esistenti sul Marketplace stesso.

Una volta compilata la scheda anagrafica e aver confermato il riepilogo, per qualsiasi modifica scrivi a info@prestiamoci.it  inserendo quali dati vuoi correggere.

Clicca sul link AREA CLIENTI in alto sulla homepage e poi sulla voce “Hai dimenticato la password?”. Inserisci la tua mail: riceverai le istruzioni per il ripristino tramite cui accedere ad una pagina a te riservata, valida per 24 ore e utilizzabile una sola volta, dove potrai impostare in tutta sicurezza una nuova password.

La documentazione contrattuale è sempre disponibile alla voce “Contratto”, l’ultima voce del menù nella tua Area Personale. In quella pagina, è possibile scaricarla e visionarla.

Se sei un Richiedente, nella tua area personale potrai verificare la percentuale di copertura del tuo progetto o il piano di rimborso se sei stato già finanziato. Se invece sei un Prestatore, potrai trovare un riepilogo sempre aggiornato del tuo investimento, all’interno dell’area personale.

No, una volta diventato operativo non puoi cambiare profilo fino a quando il rapporto con Prestiamoci non sarà terminato. Se invece non sei ancora operativo e vuoi modificare il tuo profilo, scrivi a operation@prestiamoci.it per ricevere le indicazioni su come procedere.

Invia una e-mail con oggetto “Annullamento Iscrizione” all’indirizzo operation@prestiamoci.it.

Ricorda però che se sei un Richiedente con in corso un prestito o un Prestatore con in corso un investimento non potrai abbandonare la community di Prestiamoci fino alla scadenza dei pagamenti o dei rimborsi.