Il giorno 10/06/2021 il sito sarà in manutenzione dalle 9 alle 13. Ci scusiamo per il disagio. Torneremo attivi quanto prima.

Crowdfunding per tutti!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Si parla sempre più spesso di crowdfunding, lo strumento per finanziare non solo attività imprenditoriali in fase di start up ma anche l‘imprenditorialità sociale e cooperativa, il no profit, nonché le idee, i progetti e le iniziative promosse sia dai cittadini sia dalla Pubblica Amministrazione.

Un dato emerge tra tutti: il crowdfunding puo’ rappresentare la spinta iniziale per crescere, per dare un’opportunità di espressione, a tutti. Ed è per questo che l’obiettivo ultimo e più elevato diventa quello di sensibilizzare verso questo fenomeno, che potrà creare lavorooccupazione,partecipazioneinclusione sociale. Un fenomeno che trae la sua forza dal capitale sociale, ovvero noi.

La globalizzazione, il progresso tecnologico hanno aperto un nuovo grande capitolo della storia, sempre più spesso descritto come “epoca della conoscenza”. La conoscenza diventa la materia prima trainante. E’ l’uomo al centro, non le tecnologie. E’ la dimensione sociale prima di quella tecnologica.

È la massa critica delle persone che utilizzano in modo consapevole le risorse che il mondo oggi sa offrire alla base di un nuovo futuro. Non sono le tecnologie non è Internet ma l’uso che ne sappiamo fare che rappresenta conoscenza condivisa, che, oltre a essere una base per favorire la partecipazione, è il fattore primario di sviluppo, assieme di crescita e inclusione sociale.

E i dati sul finanziamento dalla folla sono molto incoraggianti. Si pensi solo il crowdfunding ha avuto un giro di affari di 5 miliardi di dollari nel 2013 con tassi di crescita al 91%. Nel 2014 il crowdfunding ha creato 270,000 posti di lavoro nel mondo e ha iniettato 65 miliardi nell’economia globale.

libro crowdfunding

Monete complementari e crowdfunding sono nuovi modelli economici figli dell’era della conoscenza che sta mettendo alle corde le banche. Il crowdfunding diventa così il nuovo mecenate che spodesta i canali tradizionali con impatti sociali, economici, culturali.

Oggi è imperativo progettare azioni di crowdfunding. Questo implica ripensare come comunicare la scienza, come stimolare l’innovazione e la cittadinanza partecipata, promuovendo nel contempo una rinnovata attenzione alle odierne sfide sociali. Il crowdfunding può essere un supporto per incentivare l’imprenditoria e la ricerca che, in questo particolare momento storico, è sollecitata da molti attori ma ancora deve trovare un adeguato posizionamento.

Il finanziamento dal basso,  è il futuro perché non è come chiedere soldi in banca, dove sicuramente non sempre una buona idea, progetto, necessità puo’ trovare ascolto, e allora finisce che rimane in un cassetto. Con il crowdfunding si possono aprire i cassetti dove abbiamo riposto sogni, idee e progetti e tentare di realizzarli. Ed è per questo che l’obiettivo ultimo e più elevato diventa quello di sensibilizzare verso questo fenomeno, che sta creando lavoro, occupazione, partecipazione, inclusione sociale.

Il crowdfunding non è per pochi, si rivolge a chiunque: cittadini, Pubblica Amministrazione, Terzo Settore, Associazioni, Cooperative, No profits, Università, Start-up, Imprenditori.

E la cosa più importante è che i benefici non sono solo per chi ha un’idea e ha voglia di implementarla, ma anche per chi preferisce cogliere un’occasione semplicemente rendendosi partecipe per la sua realizzazione e quindi usufruendo alla fine dei benefici creatisi.

Ed è così che il crowdfunding diventa una risorsa per tutti, sia per chi cerca il finanziamento, sia per chi finanzia.

Dal lato del proponente il crowdfunding diventa il mezzo per raccogliere fondi di qualsiasi ammontare da destinare a progetti di qualsiasi natura attraverso modelli diversi: le donazioni, il modello reward basato sulle ricompense date ai benefattori in cambio dei loro finanziamenti, il modello del social lending per i micro crediti personali, come quello fornito da piattaforme accreditate come Prestiamoci, il modello equity per i progetti imprenditoriali di start up innovative, che sono piccole società di capitali (spa, srl o cooperative) italiane, da poco operative, impegnate in settori innovativi e tecnologici o a vocazione sociale.

Dal lato di chi ‘dona’ risorse finanziarie i benefici, oltre a quelli più emotivi del sentirsi protagonisti attivi del progetto (co-produttori di un film, di un libro, ecc.) o di una buona causa, ci sono ricompense tangibili come l’ottenimento del prodotto o servizio realizzati dal progetto piuttosto che altri ‘premi’ di qualsiasi tipo in base alla creatività del proponente nel caso del modello reward, gli interessi maturati nel caso del modello social lending, le partecipazioni azionarie nel modello equity. Infatti in questo ultimo caso tramite l’investimento on-line si acquista un vero e proprio titolo di partecipazione in una società: in tal caso, la “ricompensa” per il finanziamento è rappresentata dal complesso di diritti patrimoniali e amministrativi che derivano dalla partecipazione nell’impresa.

Walter Vassallo

Autore ‘Crowdfunding nell’Era della Conoscenza’, Franco Angeli

Domande frequenti - FAQ

Prestiamoci si pone l’obiettivo di promuovere il più possibile lo scambio di denaro tra privati, senza l’intermediazione di banche o altri istituti di credito. Questa caratteristica consente a Prestiamoci di distribuire ai Prestatori ed ai Richiedenti il guadagno che spetterebbe alla Banca. In questo modo i Prestatori possono ottenere un guadagno maggiore con tassi di interesse più elevati, mentre i Richiedenti possono accedere ad un finanziamento con costi inferiori. I costi di gestione vengono ridotti al minimo grazie all’operatività online e alla disintermediazione della banca, che viene quindi ricondotta al ruolo originario di cassaforte.

PRESTIAMOCI SpA – con sede legale in Foro Buonaparte 12, 20121 Milano (MI) – è la società finanziaria regolamentata dall’articolo 106 del Testo Unico Bancario, titolare del sito internet www.prestiamoci.it. Prestiamoci si pone l’obiettivo di promuovere il prestito tra persone all’interno di una community in cui si incontrano soggetti che presentano progetti da finanziare (Richiedenti) e soggetti che intendono investire parte delle proprie disponibilità in progetti che condividono (Prestatori).

Prestiamoci è una società di diritto italiano regolamentata dalla normativa del Testo Unico Bancario (TUB), dalle disposizioni regolamentari della Banca d’Italia e dalle normative italiane e comunitarie in materia di antiriciclaggio.

Prestiamoci, per i servizi offerti, richiede una commissione d’iscrizione una tantum, diversa per Prestatore e per Richiedente. La commissione pagata dal Richiedente varia dallo 0,54% al 7,56% dell’importo finanziato. Al Prestatore invece, viene applicata una commissione annuale pari all’1% del capitale investito. Infine, Prestiamoci partecipa ai progetti con una quota percependone gli interessi.

Prestiamoci opera una selezione dei Richiedenti portando sul Marketplace solamente coloro che sono meritevoli di credito, assegnando nel modo più trasparente possibile, e sulla base delle informazioni a disposizione, il più corretto livello di rischio. In questo modo Prestatori possano operare investimenti informati e consapevoli. Nel caso di Richiedenti finanziati, Prestiamoci gestisce l’incasso delle rate e governa tutti i conti di regolamento fra Richiedenti finanziati e Prestatori. Si occupa inoltre della gestione delle attività di recupero crediti nel caso in cui un Richiedente finanziato si trovi in difficoltà. Prestiamoci mette a disposizione per tutti i Prestatori informazioni dettagliate sulla loro posizione di investimento, sul rendimento al lordo e al netto delle perdite su crediti. Prestiamoci infine partecipa al finanziamento di ogni progetto ammesso al Marketplace con una sua quota.

Banca Sella è la banca d’appoggio di Prestiamoci che quindi offre servizi per l’operatività bancaria, quali l’apertura del conto deposito ed i servizi di pagamento tramite addebito diretto SEPA.

Prestiamoci adotta tutte le normative previste in materia di privacy dal GDPR, General Data Protection Regulation – Regolamento UE 2016/679. Durante il processo di compilazione del form per diventare Prestatori o Richiedenti e utilizzare i servizi di Prestiamoci, vengono esplicitate quali sono le informazioni necessarie per il consenso al trattamento dei dati. Prestiamoci è inoltre tenuta a fornire una precisa nota informativa sul trattamento dei dati personali degli Interessati.

Per Prestiamoci la sicurezza è soprattutto sicurezza informatica. L’intera architettura hardware e software, presidiata da sistemi anti intrusione e oggetto di periodiche procedure per il backup e la manutenzione, si avvale di strumenti di monitoraggio continuo e di pronto intervento atti a garantire un’elevata continuità di servizio. Il sito è conforme agli standard più avanzati di sicurezza del codice e di crittografia: ogni connessione è instaurata tramite protocollo “https”. Tutte le informazioni che transitano in rete tra il computer dell’utente ed i server di Prestiamoci, in particolare l’email e la password, sono codificate tramite meccanismi atti a garantirne integrità e riservatezza.

Il Marketplace è il luogo virtuale in cui avviene l’incontro tra domanda e offerta di denaro, tra Prestatori che intendono prestare il proprio denaro e Richiedenti che, a seguito del processo di selezione concluso positivamente, hanno inserito una richiesta di prestito sulla piattaforma.
Il funzionamento del Marketplace è basato su due logiche di lavoro.

La prima è l’applicazione di un algoritmo che ha l’obiettivo di ottimizzare l’abbinamento tra domanda e offerta sulla base delle preferenze dettate dal Prestatore in fase di adesione – modalità c.d. Presta Automatico. La seconda consente al Prestatore, in qualsiasi momento, di intervenire sulle Richieste di Prestito presenti, in completa autonomia – modalità c.d. Presta Manuale.

Le due logiche sono complementari tra di loro e lavorano simultaneamente con l’obiettivo di minimizzare il tempo di non utilizzo degli importi messi a disposizione del Marketplace da parte dei Prestatori, massimizzando il più alto numero possibile di abbinamenti con altrettante Richieste di Prestito esistenti sul Marketplace stesso.

Una volta compilata la scheda anagrafica e aver confermato il riepilogo, per qualsiasi modifica scrivi a info@prestiamoci.it  inserendo quali dati vuoi correggere.

Clicca sul link AREA CLIENTI in alto sulla homepage e poi sulla voce “Hai dimenticato la password?”. Inserisci la tua mail: riceverai le istruzioni per il ripristino tramite cui accedere ad una pagina a te riservata, valida per 24 ore e utilizzabile una sola volta, dove potrai impostare in tutta sicurezza una nuova password.

La documentazione contrattuale è sempre disponibile alla voce “Contratto”, l’ultima voce del menù nella tua Area Personale. In quella pagina, è possibile scaricarla e visionarla.

Se sei un Richiedente, nella tua area personale potrai verificare la percentuale di copertura del tuo progetto o il piano di rimborso se sei stato già finanziato. Se invece sei un Prestatore, potrai trovare un riepilogo sempre aggiornato del tuo investimento, all’interno dell’area personale.

No, una volta diventato operativo non puoi cambiare profilo fino a quando il rapporto con Prestiamoci non sarà terminato. Se invece non sei ancora operativo e vuoi modificare il tuo profilo, scrivi a operation@prestiamoci.it per ricevere le indicazioni su come procedere.

Invia una e-mail con oggetto “Annullamento Iscrizione” all’indirizzo operation@prestiamoci.it.

Ricorda però che se sei un Richiedente con in corso un prestito o un Prestatore con in corso un investimento non potrai abbandonare la community di Prestiamoci fino alla scadenza dei pagamenti o dei rimborsi.